Mercato agricolo e non solo… ogni mese a Bergamo

mercato agricolo mag2013Dal sito www.cittadinanzasostenibile.it:

I “mercati agricoli e non solo” nascono dall’esigenza di trovare uno spazio interamente dedicato a quelle pratiche economiche che si caratterizzino per l’utilizzo di processi a basso impatto ambientale, che garantiscano un’equa distribuzione del valore, che promuovano la piccola produzione locale e che tessano reti di economia solidale e di mutuo aiuto a favore della cittadinanza.

Lo scopo del progetto consiste nel creare un “Mercato per la Cittadinanza”, a cadenza periodica (una volta al mese), in cui siano affiancati spazi di vendita di prodotti agricoli locali e un’area eventi, in cui organizzare iniziative culturali di vario genere (conferenze, manifestazioni teatrali o artistiche, progetti di educazione alimentare, proiezione di video, incontri con produttori e Comunità del Cibo locali e internazionali, ecc.) affini ai contenuti del progetto, coinvolgendo attivamente gruppi e realtà cittadine che ne condividano gli intenti.

Nell’ambito del processo di avvicinamento dei produttori al consumatore finale, particolare rilevanza assume anche il ruolo dei piccoli negozianti cittadini che sono incentivati ad inserirsi nel dialogo diretto con i produttori che partecipano al mercato e quindi favorire con continuità la proposta dei produttori stessi ai propri clienti.

Ad oggi sono attivi tre progetti di “mercati agricolo e non solo”: Albino, Corna Imagna e Bergamo.

Documento progettuale dei Mercati agricoli

Vedi le foto di Mercati Agricoli del 2012

Perché è importante fare la spesa al “mercato agricolo e non solo”

Tutti i produttori di Mercato&Cittadinanza sottoscrivono un Disciplinare che prevede, tra l’altro:

dall’art. 1:
Ciascun imprenditore agricolo in qualsiasi forma giuridica associato a M&C è tenuto alla sottoscrizione e al rispetto del presente disciplinare, condizioni necessarie per l’accesso e la permanenza nel mercato nonché per la vendita diretta.
Tutti i produttori per poter accedere al Mercato devono ricevere l’Accreditamento da parte del Comitato di Gestione. L’Accreditamento è rilasciato sulla base della verifica del rispetto delle norme previste nel presente disciplinare.

dall’art. 4:
Il rispetto dei seguenti principi è valutato analizzando tutto il ciclo di vita del bene, dalle materie prime impiegate fino allo smaltimento della materia post-consumo ed è imposto a tutta la filiera produttiva.
La filiera di produzione è valutata secondo i seguenti principi:
a) Salvaguardia dell’ambiente e della salute
b) Lavoro e impegno sociale
c) Territorialità
d) Economia di relazione e socialità
e) Diffusione del messaggio

dall’art. 5:
Tramite l’accorciamento della filiera e la promozione di modalità di acquisto consapevole, i prezzi devono garantire un’equa ripartizione del valore tra chi produce e chi consuma, con vantaggio per entrambi. E’ prioritaria la necessità di rendere il mercato accessibile a tutti i cittadini e non solo alle fasce più abbienti.
L’equità e la trasparenza del prezzo sono ricercati come elemento del rapporto di solidarietà instaurato tra produttori e consumatori, e tra i produttori stessi. I prodotti offerti in vendita devono riportare l’indicazione del prezzo del giorno, in maniera chiara e ben leggibile con relativa unità di misura utilizzata.
La trasparenza è garantita anche tramite un’adeguata informativa, che riporti indicazioni sul luogo di allevamento, di coltivazione e di reperimento delle materie prime in linea con le normative vigenti in materia di rintracciabilità.

I prossimi appuntamenti

– 27 luglio 2013 dalle 9 al Piazzale degli Alpini di Bergamo | volantino FRONTE | volantino RETRO