Presentazione Regionale Osterie d’Italia Guida 2019

Sabato 10 novembre 2018 SAPS-Agnelli Cooking Lab a Lallio (BG) ospiterà la presentazione della ventinovesima edizione della Guida Osterie d’Italia di Slow Food Editore, sussidiario dei migliori locali del nostro Paese.

Su un totale di 1.617, ben 85 sono i locali lombardi segnalati nella guida del 2019 appena pubblicata. Di questi contiamo 21 Chiocciole, cioè i locali particolarmente in sintonia con la filosofia Slow Food e che colpiscono per l’ambiente, la cucina e l’accoglienza, 23 Formaggi per i locali particolarmente attenti ai latticini, 34 Bottiglie per quelli che si distinguono per una particolare selezione di vini e, novità di quest’anno, 3 esercizi segnalati per la particolare attenzione all’olio extravergine d’oliva, sia in cucina che in sala.

Come sempre la guida è ricca di tanti piccoli dettagli che nel complesso cercando di fornire una panoramica quanto più completa possibile della cucina italiana di oggi. L’edizione 2019 si apre con un decalogo che celebra le caratteristiche dell’osteria per eccellenza, partendo dall’accoglienza, per proseguire poi con l’attenzione verso un corretto rapporto tra qualità e prezzo e la capacità dell’oste di scegliere le materie prime e di utilizzarle in modo corretto.

Non mancano le segnalazioni dei locali che hanno qualche camera per soggiornare, un orto di proprietà, di quelli che offrono piatti vegetariani o adatti a chi non può consumare glutine.

Con quest’edizione, anche Osterie d’Italia si schiera accanto alla campagna internazionale Food for Change contro il cambiamento climatico. Il cibo è infatti contemporaneamente vittima e soluzione, ma se impegno comune e condiviso, le cose possono davvero cambiare. Sono sufficienti pochi e semplici gesti quotidiani quando scegliamo il nostro cibo, prediligendo una dieta amica del clima. Uno dei dati più esemplificativi è quello secondo cui un anno di buone abitudini in cucina fa risparmiare una quantità di CO2 pari alle emissioni prodotte da un’auto che percorre 3.300 km. Scoprite come dare il vostro contributo su www.slowfood.it

Programma

Ore 11.00: Gli osti mostrano come preparare il piatto (primi 40 persone iscritte)
Ore 12.00: Visita guidata al Museo Pentole Agnelli
Ore 12.30: Nel Museo Agnelli brindisi di benvenuto con Quadrifoglio Rosé Brut – metodo classico con uve Franconia e salumi grass fed dell’Agricola Maroni, Ranzanico-BG
A seguire nella sala al piano superiore con servizio di sala a cura dei bravi ragazzi dell’A:B:F: di Bergamo

Resù, Lozio -BS
Lichene con uovo di quaglia e tartufo
Pecis Maximus Brut VSQ (annata 2011)
Osteria del Crotto, Morbegno- SO
I pizzoccheri di Maurizio
Imberghem – Terre del Colleoni Franconia DOC 2017
Polisena, Pontida -BG
Pecora rosè con il suo fondo, Agrì di Valtorta, erbette di campo e zucca al forno
Rosso della Pezia – Valcalepio Rosso Riserva DOC 2008
Locanda degli Artisti, Cappella de’ Picenardi- CR
Pandolce della locanda; anticipando il Natale
Laurenzio – Bergamasca Moscato giallo IGP 2013

Fino alle ore 12 possibilità di acquistare pentole Agnelli con sconto del 40 % mostrando la tessera slow food

Costo: Costo del pranzo (inclusa una copia di Osterie d’Italia 2019) 42 euro | 37 euro soci Slow Food

Info e prenotazioni: entro mercoledì 7 novembre all’indirizzo mail prenotazioni@slowfoodbergamo.it