Slow Food Day

Vieni in piazza per incontrare Slow Food: ti vogliamo raccontare la storia della nostra associazione e presentare i nostri progetti più importanti. Perché tutti quanti, anche con piccoli gesti quotidiani, possono aiutarci a costruire giorno dopo giorno un mondo più buono, pulito e giusto.

Quest’anno l’appuntamento nelle piazze italiane è il 26 maggio, giorno in cui si festeggerà il secondo Slow Food Day.

Dopo il successo della passata edizione, che celebrava l’agricoltura di prossimità, stavolta i riflettori saranno puntati sui cambiamenti climatici e la green economy: un ideale proseguimento delle riflessioni iniziate lo scorso anno.

Per festeggiare lo Slow Food Day a Bergamo sono in programma diversi momenti di intrattenimento nell’ambito del “Mercato agricolo e non solo”, tra cui:
9.30-11.00: seminario all’Urban Center “IL CIBO DELLA LIBERTA’. LE NUOVE FRONTIERE DELL’ECONOMIA CARCERARIA” a cura di Slow Food Bergamo e Associazione Amici Aretè
Intervengono: Claudio Bonfanti Presidente Amici di Aretè; Antonino Porcino
Direttore Carceri di Bergamo; Testimonianza lavorativa di Fabio Canavese. Modera
Raoul Tiraboschi, Slow Food Bergamo

L’obiettivo del seminario è sensibilizzare la cittadinanza sui temi dell’ampliamento delle possibilità di lavoro dei detenuti, con l’idea di organizzare in futuro un’iniziativa permanente di vendita dei prodotti carcerari stessi.
In molti penitenziari italiani, soprattutto grazie all’intervento di cooperative sociali, si realizzano manufatti di vario genere: dolci, vino, borse, magliette, etc. che vengono vendute all’esterno; in tal modo, il periodo di detenzione si rivela utile per imparare un mestiere e aiutare le persone nel percorso di riabilitazione che le restituirà poi alla società, reinserendole in un contesto di lavoro e legalità dopo il carcere.
E’ noto che, secondo i dati dello stesso Ministero di Grazia e Giustizia, la recidiva per gli ex carcerati passa da oltre il 70% al 20% in presenza di un lavoro: la promozione dell’economia carceraria è dunque vantaggiosa non solo per i detenuti, ma per tutta la società.
Il seminario riprende i temi discussi nell’incontro pubblico “Più lavoro in carcere, più valore per l’economia” organizzato nel dicembre dello scorso anno dall’ Associazione Amici di Aretè.
Il “cibo carcerario” è da sempre uno dei temi cari a Slow Food. Qui a Bergamo, Slow Food, con la
Cooperativa Aretè, (che è “Comunità del Cibo – Terra Madre Slow Food” ), ha trovato un ideale riferimento per future collaborazioni.

11.30/12: APERITIVO SLOW con i prodotti del mercato agricolo

– grande gioco sui 5 sensi

Maggiori informazioni saranno pubblicate a breve.

Durante lo Slow Food Day sarà possibile iscriversi a Slow Food al prezzo speciale di 25 euro!
Dillo ai tuoi amici!

Quando: sabato 26 maggio 2012 dalle ore 9 alle 13
Dove: nell’ambito di “Mercato agricolo e non solo” al Piazzale degli Alpini di Bergamo