La biodiversità nei vitigni autoctoni del nord Italia

locandina RG 28febbraio2013

Eccoci giunti al sesto appuntamento del programma Rete Giovane Slow Food, il primo della serie “Slow Talk”.

Gli Slow Talk sono incontri basati sulla condivisione di idee su un argomento ben preciso da cui partirà la serata. Il tema di questa sera è la biodiversità!

Ecco di cosa parleremo:

– il concetto di biodiversità. Perché è importante impegnarsi a mantenerla e cosa possiamo fare per salvaguardarla;

– la diversità delle specie, aspetto determinante della diversità biologica; la molteplicità genetica nell’ambito di una stessa specie e la molteplicità degli habitat, degli ecosistemi e delle aree e le rispettive funzioni;

– biodiversità genetica dei vitigni e i vitigni autoctoni del nord;

– il Nebbiolo della Valtellina, ovvero Chiavennasca.

Seguirà l’intervento dei singoli produttori che ci seguiranno passo per passo durante la degustazione, presentando il vino e raccontandoci il loro pensiero sul tema della serata.

Ecco cosa ci preparerà Claudio Papetti:

– Tortino di riso con fonduta di formaggio
Ingredienti: riso Carema semi-integrale, Stracchino all’antica (Presidio Slow Food) della Latteria Sociale Valtorta.

– Polenta con lardo
Ingredienti: polenta di mais Belgrano (Azienda Agricola Giulia, Castegnato – farina macinata a pietra), lardo (Macelleria Ghilardi – Trescore Balneario).

Ed ecco cosa berremo:

– Togni Rebaioli – Nebbiolo 1703

– Vietti – Langhe Langhe Perbacco

– Balgera – Sassella della Valtellina Riserva

A presentare i vini avremo: il produttore Enrico Togni; Stefano Bordazzi e Andrea Zilioli.

Il tema della serata, la BIODIVERSITA’, sarà affrontato da Federico Mangili, Dottorando di Ricerca dell’Università degli Studi di Milano!

NB: l’evento è un post cena, durante il quale verranno offerti solamente dei piccoli assaggi per accompagnare la degustazione dei vini.


Quando: giovedì 28 febbraio ore 21
Dove: Agriturismo Sassi della Luna – via S. Ambrogio 2d – Cenate Sopra (BG)
Quota: 12 euro per gli under 31 (soci e simpatizzanti); 16 euro per gli over 30 (soci e simpatizzanti)
Iscrizione: compilare il modulo qui sotto
Numero di partecipanti: 40


Alcune immagini della serata:

La biodiversità

Risponde Federico Mangili, Dottorando di Ricerca dell’Università degli Studi di Milano

Cos’è la biodiversità (in breve)

La biodiversità è tutto ciò che è vivo e che abita la terra insieme a noi. Tutto ciò che è “naturalmente diverso” è biodiversità: specie, habitat, ecosistemi ed anche geni.

Perché è importante difenderla?

E’ importante difendere la biodiversità percéè, senza di essa, non potremmo vivere. Non potremmo vivere senza la moltitudine di specie vegetali che producono ossigeno per l’intero regno animale, non potremmo vivere senza le specie di batteri che aiutano la nostra digestione e la produzione dei nostri alimenti, non potremmo vivere senza gli animali che sfruttiamo per la carne, il latte, le uova…Anche se a volte non ce ne rendiamo conto, siamo parte del mondo naturale e ne dipendiamo interamente.

L’azione (o le azioni) concrete che è possibile fare per difenderla’

Per proteggere la biodiversità dobbiamo prima di tutto conoscerla, e, forse ancora più importante, farla conoscere, fare capire a chi deve prendere decisioni sulla gestione del territorio la biodiversità è una risorsa. La principale minaccia, nel nostro territorio, è senza dubbio il consumo di suolo. Un’azione concreta in tale senso è invitare tutti ad osservare ciò che ci circonda, anche durante una semplice passeggiata: osservando con attenzione, scoprirete biodiversità quasi in ogni angolo che vi circonda, e potreste fare aumentare la consapevolezza di chi, troppo spesso, prende decisioni senza conoscere a fondo il territorio che è stato chiamato a governare.